STUDIO LEGALE PEPE - VIA TUSCOLANA 4, 00182 ROMA TEL. (+39) 067011977 - 3477185620

WORLD DIGITAL LIBRARY - Un regalo dall'UNESCO per l'intera umanità

La Libreria Digitale mondiale, World Digital Library, è un regalo dall'UNESCO, mappe, testi, foto,film, tutto disponibile sul sito

https://www.wdl.org/en/   (english)

https://www.wdl.org/es/    (spanish)

Sentenza Corte di Giustizia CE n.138-2013 - ricongiungimento familiare - non si può subordinare alla conoscenza della lingua dello Stato ospitante

Corte di giustizia dell’Unione europea
Sentenza nella causa C-138/13
N.D. / Bundesrepublik Deutschland

Il requisito di conoscenza elementare del tedesco cui la Germania subordina il
rilascio di un visto ai fini del ricongiungimento di coniugi di cittadini turchi residenti
legalmente sul suo territorio è in contrasto con il diritto dell’Unione

Corte di Appello di Napoli, sentenza 26 aprile 2012, cittadinanza e residenza ininterrotta

Corte di Appello di Napoli, sentenza 26 aprile 2012


secondo l'articolo 4, comma 2 della legge 9 febbraio 1992 n. 91, lo straniero nato in Italia, qualora al compimento del 18^ anno manifesti la volontà di acquistare la cittadinanza italiana, anche se la residenza è stata interrotta per il fatto dei genitori, acquista automaticamente la cittadinanza qualora egli abbia una stabile permanenza nel territorio e dimostri di essere inserito nel contesto socio culturale.

la speciale autorizzazione per il rientro ex articolo 13, comma 13 del d.lgs 286 del 1998, questo rimedio sconosciuto, ora noto

{xtypo_alert}LA SPECIALE AUTORIZZAZIONE AL RIENTRO IN ITALIA EX ART.13, comma 13 del D.lgs 286 del 1998, finalmente una sentenza del TAR Lazio che impone una adeguata motivazione al rigetto della istanza.  TAR Lazio, sentenza del 17 giugno 2013 {/xtypo_alert}

Corte europea dei diritti dell'Uomo caso Torreggiani

Si rinvia qui di seguito al sito "Diritti Umani in Italia" 

Seferovic c. Italia

In materia di immigrazione ed espulsione, affinchè l'azione dello Stato non possa definirsi arbitraria, l'attuazione delle misure di detenzione deve avvenire in buona fede; deve essere strettamente collegata allo scopo di prevenire l'ingresso non autorizzato sul territorio; il luogo e le condizioni di detenzione devono essere appropriate; infine, la durata della detenzione non deve essere superiore a quella ragionevolmente necessaria per raggiungere lo scopo. - See more at: http://www.duitbase.it/database/sentenze-corte-europea-dei-diritti-delluomo/474-Seferovic-c-Italia#sthash.et0whIKP.dpuf
In materia di immigrazione ed espulsione, affinchè l'azione dello Stato non possa definirsi arbitraria, l'attuazione delle misure di detenzione deve avvenire in buona fede; deve essere strettamente collegata allo scopo di prevenire l'ingresso non autorizzato sul territorio; il luogo e le condizioni di detenzione devono essere appropriate; infine, la durata della detenzione non deve essere superiore a quella ragionevolmente necessaria per raggiungere lo scopo. - See more at: http://www.duitbase.it/database/sentenze-corte-europea-dei-diritti-delluomo/474-Seferovic-c-Italia#sthash.et0whIKP.dpuf
In materia di immigrazione ed espulsione, affinchè l'azione dello Stato non possa definirsi arbitraria, l'attuazione delle misure di detenzione deve avvenire in buona fede; deve essere strettamente collegata allo scopo di prevenire l'ingresso non autorizzato sul territorio; il luogo e le condizioni di detenzione devono essere appropriate; infine, la durata della detenzione non deve essere superiore a quella ragionevolmente necessaria per raggiungere lo scopo. - See more at: http://www.duitbase.it/database/sentenze-corte-europea-dei-diritti-delluomo/474-Seferovic-c-Italia#sthash.et0whIKP.dpuf

Si riporta la massima:

In materia di immigrazione ed espulsione, affinchè l'azione dello Stato non possa definirsi arbitraria, l'attuazione delle misure di detenzione deve avvenire in buona fede; deve essere strettamente collegata allo scopo di prevenire l'ingresso non autorizzato sul territorio; il luogo e le condizioni di detenzione devono essere appropriate; infine, la durata della detenzione non deve essere superiore a quella ragionevolmente necessaria per raggiungere lo scopo.


Rubricato in: Articolo 5 - Diritto alla libertà e alla sicurezza | Ordine legittimo di un tribunale | Ragionevolezza della detenzione cautelare | Riesame sulla legittimità della detenzione | Arresto o detenzione in attesa di giudizio


Vedi qui la sentenza:

http://www.duitbase.it/database/sentenze-corte-europea-dei-diritti-delluomo/474-Seferovic-c-Italia

 

Tar Toscana-Conversione del permesso di soggiorno da motivi religiosi a lavoro

Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana sentenza 7 marzo 2013

E' possibile la conversione del permesso di soggiorno da motivi religiosi a lavoro

VEDI LINK TAR Toscana, sentenza 7 marzo 2013

Matrimonio omosessuale, diritto ad ottenere la carta di soggiorno in Italia

Matrimonio omosessuale con cittadino straniero, diritto ad ottenere la carta di soggiorno in Italia.

VEDI LINK Tribunale di Reggio Emilia decreto 13 febbraio 2012